Cinque haiku sulla nebbia

草かすみ水に声なき日暮かな
kusa kasumi mizu ni koe naki higure kana

la foschia nell’erba
e nessun suono tra le acque:
crepuscolo

Yosa Buson (1716-1784)

夕霧や馬の覚し橋の穴
yūgiri ya uma no oboeshi hashi no ana

nebbia serale –
il cavallo ha memorizzato
le falle nel ponte

Kobayashi Issa (1763-1828)

霞む日のかなしき絵巻ひろげゆく
kasumu hi no kanashiki emaki hirogeyuku

giorno di nebbia –
srotolandolo si rivela
un triste dipinto

Mizuhara Shūōshi (1892-1981)

Da: Mizuhara Shūōshi zenshū, Kōdansha, 1977, p. 203

霧か煙か駅をかくして今日始まる
kiri ka kemuri ka eki wo kakushite kyō hajimaru

nebbia? Fumo?
La stazione svanita
apre la giornata

Kaneko Tōta (1919-2018)

Da: Gendai nihon bungaku taikei, Vol. 95, Chikumashobō, 1968, p. 332

古事記読む八方に濃き春霞
Kojiki yomu happō ni koki harugasumi

leggendo il Kojiki
mi circonda
una fitta nebbia di primavera

Akito Arima (1930-presente)

Da: haiku-kigo-ichiran.net/kasumi/3/

Immagine: Utagawa Kunisada, Paesaggio di nebbia, 1832 (part.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.