Cinque haiku sul colore verde (midori)

浜道や砂から松の若みどり
hamamichi ya suna kara matsu no waka midori

strada per la spiaggia –
dalla sabbia il verde
degli aghi di pino

Chōmu (1732–1795)

みどりゆらゆらゆらめきて動く暁
midori yurayurayuramekite ugoku akatsuki

il verde muovendosi
pare ondeggiare –
il crepuscolo

Ogiwara Seisensui (1884-1976)

Da: Gendai bungaku taikei, Vol. 69, 1963, p. 87 Leggi tutto “Cinque haiku sul colore verde (midori)”

Ogni respiro è debito

Presentazione della silloge Silence: A White Distrust. An Experimental Poem in Linked Form di Ram Krishna Singh (2020) a cura di Andrea Cecon.

Parlare del Professor Ram Krishna non è facile, per me. Lo conobbi in rete una ventina di anni fa e la sua poetica mi colpì forte allora come oggi. Nato a Varanasi, in India, compone haiku in lingua inglese da circa quattro decadi e ha già pubblicato 46 libri. Presente anche all’interno di riviste internazionali, rappresenta uno degli autori indiani contemporanei più interessanti.
Questa sua nuova fatica letteraria – Silence: A White Distrust – mostra uno stile e, soprattutto, un equilibrio sempre più rari nel panorama letterario odierno.
La raccolta si compone di haiku, senryū e tanka di alta qualità. Nel complesso, il suo lavoro può essere visto sia come una lunga catena di versi collegati (come suggerito dal titolo stesso), sia come un insieme di poesie fruibili separatamente e parimenti godibili.
Non essendo uno scrittore od un esperto di poetica tanka, mi concentrerò principalmente sui suoi haiku in questa mia analisi.
Per esempio, l’insieme formato da due haiku e una tanka: Leggi tutto “Ogni respiro è debito”