Cinque haiku sui cani

寝た犬にふはとかぶさる一葉哉
neta inu ni fuwa to kabusaru hito-ha kana

un cane che dorme –
leggera, a coprirlo,
una foglia

Kobayashi Issa (1763-1828)

秋雨やよごれて歩く盲犬
akisame ya yogorete aruku mekura inu

pioggia d’autunno –
un cane cieco s’infanga
camminando

Murakami Kijō (1865-1938)

Da: Gendai nihon bungaku taikei, Vol. 95, Chikumashobō, 1968, p. 35

三日月や枯野を歸る人と犬
mikazuki ya kareno o kaeru hito to inu

falce di luna –
un uomo e un cane tornano
dai campi desolati

Masaoka Shiki (1867-1902)

Da: fudemaka57.exblog.jp

大樟も私も犬もしぐれつつ
ōgusu mo watakushi mo inu mo shiguretsutsu

il grande albero di canfora,
io e un cane
fradici di pioggia

Taneda Santōka (1882-1940)

Da: Santōka zenshū, Vol. 3, Shunyōdō, 1986, p. 375

犬の蚤寒き砂丘に跳び出せり
inu no nomi samuki sakyū ni tobidaseri

la pulce del cane
salta fuori
nella fredda duna

Saitō Sanki (1900-1962)

Da: Kindai haiku no kanshō to hihyō, Meiji shoin, 1967, p. 141

Traduzioni dal giapponese di Luca Cenisi

Immagine: Ogata Gekkō, Cane in attesa (1900 circa)

2 risposte a “Cinque haiku sui cani”

  1. Buongiorno,
    Questo haiku ha una composizione particolare.
    大樟も私も犬もしぐれつつ
    (ōgusu mo watakushi mo inu mo shiguretsutsu)
    Nonostante la somma sia di 17 sillabe, se consideriamo le frasi, la scansione sillabica è completamente irregolare. Si tratta di un tipo particolare di haiku?
    Grazie

    1. Buongiorno,

      Santōka è noto per la sua libertà espressiva e per il suo “distacco” dallo schema classico 5-7-5. Il componimento da lei segnalato si compone di 18 fonemi (on 音), ossia uno in più rispetto ai 17 “canonici” perché 私 è stato traslitterato come watakushi わたくし (più formale) anziché come watashi わたし.

      – 大樟も ōgusu mo: 5 on;
      – 私も犬 (いぬ) も watakushi mo inu mo: 8 on;
      – しぐれつつ shiguretsutsu: 5 on.

      Lo haiku in esame è peraltro poco rappresentativo del suo estro; la invito piuttosto a leggere una piccola selezione di opere che avevo tradotto a suo tempo e che può trovare ai seguenti link:

      https://www.lucacenisi.net/2018/05/29/cinque-haiku-di-santoka/;
      https://internopoesia.com/2019/01/08/santoka-taneda/.

      Qui, invece, trova un mondo: https://terebess.hu/english/haiku/taneda.html.

      D’altronde, se ci pensa, essendo stato allievo di Ogiwara Seisensui (1884-1976), ha senso la sua adesione ai c.d. jiyūritsu haiku 自由律俳句 o ‘haiku a ritmo libero’.

      Un saluto e grazie per la visita.

      Luca Cenisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.