Cinque haiku di Fujita Shōshi

うすらひは深山へかへる花の如
usurai wa miyama e kaeru hana no goto

ghiaccio sottile:
come un fiore torna
nelle profondità montane

筍や雨粒ひとつふたつ百
takenoko ya amatsubu hitotsu futatsu hyaku

germogli di bambù –
una goccia di pioggia…
due… cento…

明日の日の華やぐが如ガーベラ挿す
asu no hi no hanayagu ga goto gābera sasu

luminosa
come il sole di domani:
la gerbera

胡桃二つころがりふたつ音違ふ
kurumi futatsu korogari futatsu oto chigau

due noci
che cadono a terra,
due suoni diversi

sazanka ya ima no higure no tabi ni nite
山茶花やいまの日暮の旅に似て

camelia cinese –
è simile al viaggio
di questo crepuscolo

Traduzioni dal giapponese di Luca Cenisi

Da: Fujita Shōshi zen kushū, Kadokawa Shoten, 2009

Fujita Shōshi (1926-2005) è stato un poeta giapponese originario di Kanagawa. Si avvicinò molto giovane allo haiku, studiando sotto Mizuhara Shūōshi (1892-1981) e pubblicando alcuni suoi lavori all’interno della rivista Ashibi 馬酔木, per la quale ricoprì il ruolo di Caporedattore dal 1957 al 1967. Verso la metà degli anni Sessanta fondò una propria rivista, denominata Taka 鷹 (‘Falco’). Tra il 1981 e il 1983 ricoprì la carica di Vicepresidente della Gendai haiku kyōkai 現代俳句協会 (‘Associazione per lo haiku moderno’). Tra le sue principali raccolte menzioniamo: Tojō 途上 (‘Luongo la strada’) del 1955, Kumo no ryōiki 雲の領域 (‘Il regno delle nuvole’) del 1962, Kariudo 狩人 (‘Il cacciatore’) del 1976, Harumatsuri 春祭 (‘Festa di primavera’) del 1982, Zen’ya 前夜 (‘La Vigilia’) del 1993 e Kagura 神楽 del 1999. Nel 2009 è uscita infine, per i tipi di Kadokawa Shoten, il Fujita Shōshi zen kushū 藤田湘子全句集 (‘Tutti gli haiku di Fujita Shōshi’), imponente raccolta di 765 pagine che ripercorre la vita e le opere di questo importante autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.