Si oscura il mare: kasen renga

Di seguito presento la celebre kasen renga 歌仙連歌 (“renga di 36 stanze”) Umi kurete 海くれて (“Si oscura il mare”), composta nel 1684 da Matsuo Bashō (1644-1694) insieme a Hayashi Tōyō 林桐葉 (?-1712), Hozumi Tōtō 穂積東藤 (?-?) e Kōzan 工山 (?-?), da me tradotta.

 

I
海くれて鴨の聲ほのかに白し
umi kurete kamo no koe honokani shiroshi

si oscura il mare:
la voce delle anatre
di un indistinto candore…

Bashō

 

II
串に鯨をあぶる盃
kushi ni kujira o aburu sakazuki

la balena scaldata sulla griglia
e una tazza di sakè

Tōyō

 

III
二百年我此やまに斧とりて
nihyakunen ware kono yama ni ono torite

per duecento anni
ho piantato l’accetta
su queste montagne

Tōtō

 

IV
樫のたねまく秋は来にけり
kashi no tane maku aki wa ki ni keri

piantando i semi di quercia
arriva l’autunno

Kōzan

 

V
入月に鶍の鳥のわたる空
iru tsuki ni isuka no tori no wataru sora

sorge la luna –
uno stormo di crocieri
attraversa il cielo

Tōyō

 

VI
駕篭なき國を露負れ行
kago naki kuni o tsuyu oware yuku

nel Paese senza portantine
si procede con la rugiada

Bashō

 

VII
降雨は老たる母のなみだかと
furu ame wa oitaru haha no namida ka to

scende la pioggia:
sono forse le lacrime
della mia vecchia madre?

Kōzan

 

VIII
一輪咲し芍薬の窓
ichirin sakishi shakuyaku no mado

un fiore soltanto
nella finestra di peonie

Tōtō

 

IX
碁の工夫二日とぢたる目を明て
go no kufū futsuka yojitaru me o akite

meditando
la mossa di go per due giorni,
apre gli occhi

Bashō

 

X
周のかへると狐なくなり
Shū ni kaeru to kitsune nakunari

la volpe morente
vuole tornare a Zhou

Tōyō

 

XI
靈芝ほる河原遙に暮懸り
reishi horu kawara harukani kurekakari

fughi di lingzhi –
giunge l’oscurità
nel letto del fiume

Tōtō

 

XII
花表はげたる松の入口
torii hagetaru matsu no iriguchi

un torii spoglio
all’ingresso del pineto

Kōzan

 

XIII
笠敷て衣のやぶれ綴リ居る
kasa shikite koromo no yabure tsuzuri oru

col cappello a terra,
rammenda lo strappo
della sua veste

Tōyō

 

XIV
秋のからすの人喰に行
aki no karasu no hito kui ni iku

i corvi d’autunno
vengono a divorare gli uomini

Bashō

 

XV
一昨日の野分の濱は月澄て
ototoi no nowaki no hama wa tsuki sumite

l’altro ieri,
la tempesta sulla spiaggia:
luna chiara

Kōzan

 

XVI
霧の雫に龍を書續ぐ
kiri no shizuku ni ryō o kakitsugu

seguita a disegnare il drago
con gocce di nebbia

Tōtō

 

XVII
花曇る石の扉を押ひらき
hana kumoru ishi no tobira o oshihiraki

i fiori si rannuvolano
mentre le porte di pietra
vengono spinte

Tōyō

 

XVIII
美人の形拜むかげろふ
bijin no katachi ogamu kagerō

foschia di calore:
l’adorazione di una bellezza

Kōzan

 

XIX
蝦夷の聟聲なき蝶と身を侘て
Ezo no muko koe naki chō to mi o wabite

lo sposo di Yezo,
solo come una farfalla
che non ha voce

Bashō

 

XX
生海鼠干すにも袖はぬれけり
namako hosu ni mo sode wa nurekeri

asciugando i cetrioli di mare
si bagna anche le maniche

Tōtō

 

XXI
木の間より西に御堂の壁白く
ko no ma yori nishi ni midō no kabe shiroku

tra gli alberi ad Ovest,
le bianche mura
di un santuario

Kōzan

 

XXII
藪にくずやの十ばかり見ゆ
yabu ni kuzuya no tō bakari miyu

nel boschetto si vedono
una decina di straccivendoli

Bashō

 

XXIII
ほつほつと炮烙作る祖父独り
hotsuhotsu to hōroku tsukuru jiji hitori

serenamente
il nonno crea da solo
i vasi di terracotta

Tōtō

 

XXIV
京に名高し瘤の呪詛
Kyō ni nadakashi kobu no majinai

è famoso a Kyoto
per i riti contro le cisti

Tōyō

 

XXV
富士の根と笠きて馬に乗ながら
Fuji no ne to kasa kite uma ni norinagara

il monte Fuji –
indossato il cappello
salgo sul cavallo

Bashō

 

XXVI
寐に行鶴のひとつ飛らん
ne ni iku tsuru no hitotsu toburan

una gru solitaria
in volo per andare a dormire

Kōzan

 

XXVII
待暮に鏡をしのび薄粧ひ
matsu kure ni kagami o shinobi usu-kehai

aspettando la sera
furtivamente si trucca un po’
allo specchio

Tōyō

 

XXVIII
衣かづく小姓萩の戸を押
kinu kazuku koshō hagi no to o osu

l’inserviente, rivestitosi,
spinge la porta di lespedeza

Tōtō

 

XXIX
月細く時計の響八つなりて
tsuki hosoku tokei no hibiki yatsu narite

luna sottile –
il rintocco dell’orologio
che segna le otto

Kōzan

 

XXX
棺いそぐ消がたの露
hayaoke isogu kiegata no tsuyu

un corteo funebre s’affretta
mentre svanisce la rugiada

Bashō

 

XXXI
破れたる具足を国におくりけり
yaburetaru gusoku o kuni ni okurikeri

la sua armatura rotta
è stata restituita
alla famiglia

Tōtō

 

XXXII
高麗の縣に畠作りて
Koma no agata ni hatake tsukurite

in una regione della Corea
gestisce un podere

Tōyō

 

XXXIII
紅粉染の唐帋に花の香を絞
beni-zome no tōshi ni hana no ka o shibori

la carta cinese
tinta di rosso
profuma di fiori

Bashō

 

XXXIV
ちひさき宮の永き日の伽
chiisaki miya no nagaki hi no togi

accudisce il giovane principe
per tutto il giorno

Kōzan

 

XXXV
春雨に新発意粽荷ひ来て
harusame ni shimpochi chimaki ninai kite

pioggia di primavera –
il novizio trasporta
le torte incartate

Tōyō

 

XXXVI
青草ちらす藤のつぼ折
aokusa chirasu fuji no tsubo-ori

i risvolti con glicini
coperti da verdi foglie

Tōtō

 

Immagine: Il monte Fuji e la spiaggia di Miho (XIX secolo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *