Cinque haiku di Abe Midorijo

啓蟄や幼児のごとく足ならし
keichitsu ya yōji no gotoku ashi narashi

risveglio d’insetto –
s’abitua alle zampe
come un bimbo

Da: Kihon kigo gohyaku-sen, Kōdansha, 1986, p. 112

 

秋の蝶山に私を置き去りぬ
aki no chō yama ni watashi wo oki sarinu

la farfalla d’autunno
se ne va lasciandomi
tra le montagne

Da: Haiku kenkyū, Vol. 38, 1971, p. 54

 

物言はぬ独りが易し胡瓜もみ
mono iwanu hitori ga yasushi kyūri momi

facile restare soli
senza dire una parola –
cetrioli salati

Da: Nyūmon saijiki, Kadokawashoten, 1980, p. 228

 

この宮の我も氏子よ札納
kono miya no ware mo ujiko yo fuda osame

anch’io adepta
di questo santuario –
offerta votiva

Da: fudemaka57.exblog.jp

 

枯蘆に曇れば水の眠りけり
kareashi ni kumoreba mizu no nemurikeri

nel vecchio canneto
offuscato dalle nubi,
la quiete delle acque…

Da: Da: Haiku kenkyū, Vol. 38, cit., p. 52

 

Traduzioni dal giapponese di Luca Cenisi

Abe Midorijo (1886-1980) è stata una poetessa giapponese, originaria dell’isola di Hokkaidō. Già allieva di Takahama Kyoshi (1874-1959), nonché membro molto attivo del Gruppo Hototogisu ホトトギス, ha fondato la rivista Komakusa 駒草 nel 1932. La rivista venne pubblicata in maniera discontinua durante il Secondo Conflitto Mondiale, venendo addirittura chiusa nel 1944, ma solo per riaprire l’anno successivo.
Al di là della sua vicinanza ai c.d. kyakkan shasei 客観写生 (“schizzi oggettivi”) di Kyoshi, riuscì comunque a sviluppare un linguaggio individuale, fresco, sottile e particolarmente attento ai vari aspetti della vita umana.
Tra le principali raccolte di haiku ricordiamo: Sasatsuru 笹鶴 (“La gru dei bambù”) del 1947, Soyokaze 微風 (“Brezza leggera”) del 1955, Teihon Abe Midorijo kushū 定本阿部みどり女句集 (“Raccolta definitiva di haiku di Abe Midorijo”) del 1966 e Kagerō 陽炎 (“Foschia di calore”) del 1975.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *